Un regalo di Rice
La piazza
È sempre assai triste dover ricordare un amico scomparso, i ricordi dei momenti passati insieme ti emozionano e tanta è l’amarezza che ti senti addosso.
Insieme abbiamo promosso molte iniziative e altrettante ne avevamo programmate per il futuro. Grazie alla tua cultura e alla tua ricerca storica sulla valle Brembana abbiamo colto occasioni per i nostri punti di vista fotografici.

Ora con noi non ci sei più, ma continua il vivo ricordo in quello che hai lasciato della tua esperienza e del tuo sapere, che con molta umiltà mettevi a disposizione di tutti noi.
Te ne sei andato troppo presto, molti










ph. Raffaella Passerini



progetti volevi ancora realizzare, avevi bisogno di vivere ancora a lungo.

Ti saremo sempre grati per il regalo della tua sincera amicizia.
Grazie Rice

I Fotografi Brembani
LA PIAZZA

C’era una volta, tanto tempo fa, una piazza...
dove si affacciavano le botteghe e le osterie
le donne andavano coi secchi ad attingere l’acqua dalla pubblica fontana
la gente si raccoglieva per festeggiare gli sposi
o per accompagnare qualcuno l’ultima volta
i vecchi passavano i pomeriggi a raccontare di quando erano in Francia
e i bambini a giocare a nascondino o a campana
al mattino presto dal forno vicino si diffondeva l’odore buono del pane
la festa il pastì apprestava il suo banchetto con le veneziane, la liquirizia e il matricale
e il pomeriggio dalle osterie arrivavano le grida secche dei giocatori di müra:
cinq sess trr...
...e le sere di maggio i giovanotti corteggiavano le loro belle.

Oggi la piazza è stata rifatta col selciato simile ad una volta, eleganti lampioni,
faretti che illuminano gli antichi palazzi, un’artistica fontanella, panchine da design.

Ma...
le botteghe hanno chiuso perché la gente va al centro commerciale
le osterie chiudono quando fa buio
di bambini non ce n’è quasi più
per i vecchi hanno inventato l’ospizio
e la sera tutti stanno in casa a guardare dentro la televisione.

Bella davvero la nuova piazza...
ma di giorno la gente passa frettolosa
solo qualche sfaccendato si sofferma un po’
e di sera i lampioni e i faretti illuminano una piazza vuota.
E com’è triste una piazza vuota.


Felice Riceputi
Manifesto della mostra fotografica Piazza che vai... esposta a Piazza Brembana e Santa Brigida nel luglio e agosto 2009.
***
Aggiornato il 12 Marzo 2015